benvenuto a Agricoltura moderna !
home

Grafica accurata dei pulsatori

La salute della mammella è influenzata da molteplici fattori, ma può essere raggruppata in tre categorie generali:mungitrici, vacche e attrezzature. Di questi tre, l'apparecchiatura è di gran lunga la più facile da controllare. Dopo che l'attrezzatura funziona correttamente, i mungitori possono svolgere i loro compiti in modo più efficace. Attrezzature correttamente funzionanti incoraggiano i mungitori a fare del loro meglio perché possono facilmente osservare i risultati del loro lavoro con vacche più confortevoli, meno mastiti e maggiore produzione.


L'importanza di rappresentare graficamente i pulsatori

I pulsatori sono il cuore dei sistemi di mungitura. Pulsatori correttamente funzionanti sono essenziali per la salute della mammella, il comfort e la produzione della bovina. Con questo in mente, la maggior parte delle aziende casearie impiega un programma di manutenzione per le proprie attrezzature di mungitura che include la rappresentazione grafica del pulsatore. Questo di solito viene eseguito da aziende locali di attrezzature casearie su un programma mensile. La rappresentazione grafica dei pulsatori può essere suddivisa in due parti essenziali:il processo di rappresentazione grafica corretta dei pulsatori e l'interpretazione dei risultati di tali grafici.

Non conosco nessuno a cui piaccia rappresentare graficamente i pulsatori:richiede tempo e è noioso. Se eseguito correttamente, il lavoro si trova in un ambiente sporco e frenetico. Di conseguenza, molti tecnici hanno adottato scorciatoie che sovvertono l'accuratezza del compito. È comune che i pulsatori vengano rappresentati graficamente con gli artigli appesi al minimo. Ancora più comune in molte stalle moderne è vedere i pulsatori rappresentati graficamente nel seminterrato, a una distanza compresa tra 8 e 10 piedi dalle mucche. Avendo tracciato grafici di molte stalle subito dopo un normale tecnico delle apparecchiature, in alcuni casi ho identificato fino al 40% di pulsatori difettosi. Ciò accade quando i tecnici ignorano le linee guida pubblicate dal National Mastitis Council (NMC) e i problemi del pulsatore vengono ignorati o non rilevati.

Come rappresentare correttamente i pulsatori

Le linee guida NMC, come chiarito nella pubblicazione "Procedure per la valutazione dei livelli di vuoto e del flusso d'aria nei sistemi di mungitura", sono state pubblicate per la prima volta nel 1996, aggiornate nel 2004 e di nuovo nel 2012. Sono state sviluppate sulla base degli standard dell'American National Standards Institute ( ANSI), l'American Society of Agricultural and Biological Engineers (ASABE) e l'International Organization for Standardization (ISO). Le linee guida NMC descrivono la corretta tecnica grafica con due protocolli accettabili.

  • Test a secco dei pulsatori   Questo test descrive l'uso di un raccordo a T di dimensioni adeguate inserito nel tubo del polso corto attaccato vicino al guscio di gonfiaggio. La rappresentazione grafica viene eseguita con i pulsatori in funzione, le fodere dotate di tappi per tettarella standardizzati e il vuoto applicato all'unghia.

  • Test di pulsazione del tempo di mungitura  Questo test utilizza la stessa configurazione meccanica, ma la rappresentazione grafica viene eseguita mentre la macchina è attaccata alle vacche a pieno carico di mungitura.

Il principio fondamentale in entrambi i casi è misurare, il più fedelmente possibile, ciò che accade all'estremità del capezzolo. Non ci sono altri modi accettati per rappresentare accuratamente i pulsatori. Qualsiasi deviazione dalle procedure consigliate non misurerà accuratamente la funzione quotidiana del sistema di pulsazione. Quando i proprietari o i gestori di caseifici osservano i grafici del pulsatore, devono insistere affinché i grafici siano realizzati secondo le linee guida NMC.

Alcune installazioni più recenti dispongono di sistemi automatici di monitoraggio delle pulsazioni che misurano ogni ciclo di pulsazione ogni volta che la vacca viene munta. Questi sistemi misurano la pulsazione in corrispondenza del pulsatore e, pertanto, i pulsatori devono essere periodicamente rappresentati graficamente manualmente per valutare accuratamente le informazioni raccolte dal sistema e il modo in cui si relazionano a ciò che sperimenta la vacca. Inoltre, è necessario prestare la dovuta attenzione ai parametri di allarme in modo da fornire notifiche accurate alla direzione del caseificio.

La rappresentazione grafica dei pulsatori su base regolare garantisce un certo livello di coerenza tra tutte le macchine nella stalla, come descritto dalla pubblicazione NMC. Inoltre, tali linee guida raccomandano anche alcuni livelli minimi per la fase B (mungitura) e la fase D (riposo) del ciclo di pulsazione. Una volta completati i grafici del pulsatore, è necessaria l'interpretazione dei risultati.

Interpretazione dei risultati

L'interpretazione dei grafici del pulsatore dovrebbe essere divisa in due parti per rispondere a due domande essenziali:il sistema di pulsazione è meccanicamente sano e il sistema di pulsazione è biologicamente sano? Questo è ciò che chiamo "valutazione avanzata dei grafici del pulsatore" e le linee guida che ho sviluppato differiscono da quelle pubblicate da NMC o da altre organizzazioni di standardizzazione.

I grafici del pulsatore restituiscono i valori per ogni durata di fase, nonché il vuoto di pulsazione, la frequenza del pulsatore e il rapporto del pulsatore. Le durate delle fasi riportate nei grafici del pulsatore possono essere espresse come percentuale del ciclo di pulsazione o come millisecondi. L'uso della percentuale non è accettabile per una valutazione avanzata, in particolare quando la frequenza delle pulsazioni è diversa da 60 cicli al minuto. Pertanto, la durata delle fasi espressa in millisecondi è la misura più valida utilizzata per la valutazione.

I limiti di tolleranza accettabili per la durata di ciascuna fase possono essere calcolati come deviazione dalla media della stalla per ciascuna fase. I limiti di tolleranza per la fase A, la fase C e la fase D sono più o meno il 10% rispetto alla media per tutti i pulsatori. Il limite di tolleranza per la durata della fase B è più o meno il 5% rispetto alla media per tutti i pulsatori.

Dopo aver analizzato le durate delle fasi, viene valutato il vuoto del pulsatore. I limiti di tolleranza per il vuoto sono più o meno 0,2 pollici di vuoto (0,68 kilopascal – kPa) rispetto alla media di tutti i pulsatori. Quando il vuoto del pulsatore supera la media della stalla di oltre 0,2 pollici, questo è spesso un riflesso della regolazione del vuoto del sistema e di solito non è correlato a guasti del pulsatore. Tuttavia, quando il vuoto del pulsatore non riesce a raggiungere la media della stalla di 0,2 pollici o più, questo di solito è causato da perdite d'aria da qualche parte nel sistema di pulsazione.

I pulsatori trovati al di fuori di questi limiti di tolleranza vengono contrassegnati per l'esame e la riparazione. Quando i grafici dei pulsatori mostrano che tutti i pulsatori in una stalla sono conformi a questi limiti di tolleranza, si dice che il sistema di pulsazione è meccanicamente sano. C'è qualche variazione tra i sistemi di pulsatori, ma tutti i sistemi soddisferanno questi standard se sono adeguatamente mantenuti e adeguatamente rappresentati graficamente.

Un sistema di pulsazione può essere meccanicamente valido, come dimostrato dai grafici del pulsatore eseguiti correttamente, ma la pulsazione può comunque essere dannosa per la salute della mammella e il comfort della vacca se non è biologicamente corretta. Ciò significa che se le fasi del latte e del riposo non sono adeguatamente bilanciate per alleviare adeguatamente la congestione e l'edema del capezzolo durante ogni ciclo di pulsazioni, le bovine potrebbero risentirne.


Infografica di Corey Lewis.

È una conseguenza inevitabile della mungitura che la fase B del ciclo di pulsazione crei congestione ed edema (gonfiore) dell'estremità del capezzolo. Se il vuoto viene applicato continuamente all'estremità del capezzolo senza sollievo, l'estremità del capezzolo e il canale del capezzolo si gonfiano e il flusso del latte cessa. Questo è il motivo della tettarella a due camere che applica alternativamente vuoto e compressione all'estremità della tettarella. La compressione, o fase di riposo del ciclo, è necessaria per alleviare il gonfiore all'estremità del capezzolo, che si crea durante la fase di vuoto del ciclo di pulsazione.

Trovo che le linee guida NMC forniscano scarso aiuto nel determinare la durata della fase D richiesta in relazione alla durata della fase B, stabilendo solo che la fase D dovrebbe essere almeno 150 millisecondi. Per risolvere questo problema, ho sviluppato un grafico e una formula (Figura  1 ) che può essere utilizzato per calcolare la durata della fase D richiesta per qualsiasi fase B, che allevierà adeguatamente la congestione del capezzolo e manterrà la velocità di mungitura, la salute della mammella e il comfort della vacca. Questa formula presuppone che esista una relazione lineare tra la durata della fase B e la fase D richiesta. Le osservazioni di 354 set di dati grafici da 141 stalle negli ultimi 10 anni hanno confermato che questa formula fornisce un'adeguata durata della fase D. Conseguenze di un pulsatore malfunzionante

La pulsazione sbilanciata si verifica quando il rigonfiamento dell'estremità del capezzolo creato dalla fase B del ciclo di pulsazioni non è completamente alleviato dalla fase D. Di conseguenza, si verifica la seguente cascata di eventi. Poiché ogni ciclo di pulsazione non riesce ad alleviare completamente il gonfiore all'estremità del capezzolo, tale gonfiore si accumula man mano che la mungitura procede. Con l'aumentare del gonfiore, la portata del latte diminuisce e può interrompersi completamente prima che la vacca sia completamente munta. Nelle stalle con distaccatori, una quantità significativa di latte rimane non raccolta e "esce dalla stalla". Di conseguenza, la resa giornaliera e lattazione si ridurranno nel tempo e anche la percentuale di grasso butirrico potrebbe ridursi perché il latte più grasso viene raccolto alla fine della mungitura. Quando il gonfiore dell'estremità del capezzolo aumenta, impedisce al canale del capezzolo di chiudersi alla fine della mungitura, il che rappresenta un rischio per la salute della mammella tra una mungitura e l'altra, e un sintomo comune sono le gocce di latte che pendono dalle estremità del capezzolo dopo che la macchina è stata rimossa. Inoltre, con l'aumentare del rigonfiamento dei capezzoli nel corso di ciascuna mungitura, il comfort della vacca viene compromesso ed espresso da calpestio, scalciate ed eccessivi calci. I kickoff rappresentano un rischio per la salute della mammella e aumentano sostanzialmente il carico di lavoro e la frustrazione del mungitore.

Fortunatamente, ottenere fasi di pulsazione che siano biologicamente valide è relativamente facile poiché tutti i controller di pulsazione hanno opzioni per modificare i tassi e i rapporti di pulsazione. Sebbene non sia sempre possibile modificare i parametri di pulsazione sul controller in modo che corrispondano esattamente ai risultati della formula, è sempre preferibile impostare la velocità e il rapporto per ottenere una durata della fase D uguale o superiore al requisito calcolato. È quindi necessario ridisegnare una selezione casuale di pulsatori per confermare che i risultati desiderati sono stati raggiunti.

The bottom line

La pulsazione è una componente fondamentale ed essenziale dei sistemi di mungitura. Pertanto, il sistema di pulsazione deve essere progettato e mantenuto correttamente. Pulsatori accuratamente testati su base regolare, confermati meccanicamente sani e regolati per essere biologicamente sani, forniscono una mungitura sicura ed efficace per ogni vacca ogni volta che viene munta.


()
Allevamento di animali

Agricoltura moderna
Agricoltura moderna